News

Nasce a Rovereto il comitato Giovanni Korompay

In data 11 gennaio 2022 si è costituito in Rovereto il Comitato Tecnico Scientifico per la tutela artistica e giuridica dell’Opera del Maestro Giovanni Korompay.

Il Comitato nasce per volontà della nipote Barbara Korompay di non vedere dispersa la memoria dell’opera del Maestro.

Presidente del comitato è Barbara Korompay, erede dell’Artista e titolare del diritto d’autore, affiancata da Maurizio Scudiero, massimo storico del futurismo italiano, da Franco Tagliapietra, docente di storia dell’arte contemporanea nelle Accademie di Venezia e Milano, autore di pubblicazioni e mostre sul futurismo, da Alex Casagrande, giovane studioso di Korompay e autore di due tesi di laurea sull’Artista; da Marco Citroni, Giampiero Lami e dall’Avvocato Marco Franco.

Giovanni Korompay si dedicò alla pittura e all’incisione aderendo, già dal 1922, ad un movimento futurista ormai pienamente calato nella sua seconda fase.

Dagli anni ’30 definì un suo inconfondibile stile, votato ad un cromatismo tenue e vibrante e a ritmi geometrici armonici; stile che non avrà timore di cedere alle contaminazioni delle città in cui visse e lavorò, dalla natia Venezia, a Ferrara, a Bologna, fino a Rovereto.

Significativa fu la sua produzione di acqueforti capaci di restituire con maestria paesaggi industriali e urbani attraverso un procedimento di semplificazione strutturale.

Per tutta la vita legato da profondo affetto al futurismo ne adottò il principio di Arte totale, dedicandosi alla scultura, alla scenotecnica, all’illustrazione per quotidiani, al design e all’architettura.

Nel corso della sua prima riunione il Comitato ha concordato l’apertura, a breve, di canali social ove divulgare le future iniziative tanto espositive quanto di archiviazione e catalogazione dell’opera del Maestro.